La scuola non si tocca: continua la battaglia e si allarga coinvolgendo la scuola e i consigli comunali

La scuola non si tocca: continua la battaglia e si allarga coinvolgendo la scuola e i consigli comunali

Giuseppe Gullo, presidente del consiglio di Chiusa Sclafani, Pietro Quartararo segretario del PD di Giuliana e Leonardo Spera, consigliere comunale di Contessa Entellina, tornano nuovamente sul tema affrontato ieri: la nascita di un nuovo polo scolastico, che rischia di lasciare isolato l’istituto comprensivo di Chiusa Sclafani (per maggiori info, cliccate qui: http://www.radioantennabisacquino.it/cronaca-locale/gullo-spera-e-quartararo-la-scuola-non-si-tocca.html ).

 Secondo i tre esponenti politici la confusione creata dagli amministratori trova pieno riscontro nelle varie delibere di giunta. Infatti, mentre  le giunte di Palazzo e Contessa Entellina trovano intesa con Giuliana che interrompe senza alcuna logica i rapporti con la Scuola di Chiusa perché di colpo si accorge di avere più affinità storiche con Palazzo e Contessa ( si legge nelle delibere), la stessa giunta chiusese delibera di voler mantenere la propria autonomia chiedendo l’accorpamento in sé dell’Istituto Palazzo -Contessa.

Dobbiamo riportare chiarezza e ricucire i rapporti compromessi per arrivare ad un accordo  unitario che tenga fede della storia e della territorialità di ognuno dei quattro  comuni”,   dichiara Giuseppe Gullo .  “La conferenza dei  capigruppo si è già riunita e a breve verrà investito l’ intero organo consiliare” ,  conclude il presidente del consiglio.

“Si é persa ogni logica di aggregazione territoriale tradita dalla ricerca forsennata dei numeri e dalle prebende tra comuni –  afferma Leonardo Spera.  Solo una aggregazione tra tutti i quattro comuni (Giuliana, Chiusa Sclafani, Contessa Entellina e Palazzo Adriano) consentirebbe il mantenimento di una istituzione scolastica forte nel tempo senza il rischio di sotto- dimensionamento che potrebbe riverificarsi a breve termine”.

Come si può  vedere dal sito dell’istituto comprensivo G. Reina di Chiusa, a causa dell’immediata  esecutività  della delibera  n.83 del comune di Giuliana che accorpa incomprensibilmente il comune di Giuliana a Contessa Entellina ed1b649d7a1dd257acec4d62941b366d2_L Palazzo Adriano

http://istitutocomprensivochiusasclafani.gov.it/sospensione-dellefficacia-della-graduatoria-di-strumento-musicale-a-s-20152016-riguardante-la-scuola-secondaria-di-1-grado-di-giuliana-pubblicata-il-9-luglio-2015/.  Lo stesso istituto si è  trovato costretto ad emettere un decreto che sospende l’efficacia  della graduatoria dell’indirizzo  musicale per gli studenti  di Giuliana, questo comporta che i ragazzi di secondo anno non potranno continuare a studiare  musica mentre quelli di primo anno di non avranno la possibilità  di fruire di questa importante opportunità educativa tutto ciò  crea discriminazione tra alunni.

“Il sindaco Mario Musso revochi  l’atto di giunta n.83,  sostiene Pietro Quartararo. E prenda le distanze da chi lo ha indotto a compiere un atto amministrativo che crea disagi ai genitori, studenti, docenti ed impiegati e revochi l’incarico all’assessore con delega all’istruzione”.

I tre assicurano che condurranno una battaglia, anche coinvolgendo le istituzioni regionali affinché i quattro  comuni possano creare  una rete didattica che possa dare continuità, stabilita nel tempo ed efficacia all’azione formativa per il bene e la crescita di tutto il territorio.

Comments are closed.