Scuola di Chiusa Sclafani, scatta lo sciopero. I genitori: Le beghe politiche non possono ripercuotersi sulla scuola

Scuola di Chiusa Sclafani, scatta lo sciopero. I genitori: Le beghe politiche non possono ripercuotersi sulla scuola
Protestano genitori ed alunni dell’Istituto Comprensivo di Chiusa Sclafani per il mancato avvio del sistema di riscaldamento nei locali della scuola. “Prendo atto che nella giornata odierna nessuno si è presentato al suono della campanella, eccetto un alunno della scuola primaria”, fa sapere il dirigente scolastico, Maria Paola Raia. Le famiglie sono indignate poiché ancora in prossimità delle feste natalizie il comune non ha provveduto in tal senso. Già precedentemente dei rappresentanti dei genitori hanno preso contatti con il sindaco e l’assessore al ramo, ma dopo le rassicurazioni ancora il nulla di fatto.

Anche il Dirigente prof.ssa Maria Paola Raia, a nome del Consiglio d’Istituto che già nella seduta di fine ottobre aveva trattato il punto all’ordine del giorno, ha inviato diverse note al comune di richiesta chiarimenti e di sollecito sia per l’avvio del riscaldamento, che per il servizio mensa. Anche quello della mensa, infatti, è un problema per il quale necessita una soluzione indifferibile, legato alla mancata approvazione del bilancio comunale.

Le beghe politiche, insistono i genitori, scuola sui servizi essenziali della scuola, la mensa e il riscaldamento.

Comments are closed.