Giuliana, minoranza e pd chiedono una discussione sul servizio di cittadinanza attiva e il baratto amministrativo

Giuliana, minoranza e pd chiedono una discussione sul servizio di cittadinanza attiva e il baratto amministrativo

Il gruppo di minoranza del Comune di Giuliana e il segretario del Partito Democratico del circolo di Giuliana, hanno presentato, il 23 marzo scorsoIMG_3190, l’ istanza con la quale chiedono all’ amministrazione comunale di introdurre nel comune il servizio di “cittadinanza attiva” e il baratto amministrativo.

Si tratta di applicare una norma che ha tra le finalità principali quella di disciplinare le forme di collaborazione tra i cittadini e l’Amministrazione Comunale per la cura, il recupero e lo sviluppo dei beni comuni urbani, in attuazione dell’art.118, ultimo comma, della Costituzione e dell’art.24 del D.L. n. 133/2014 convertito, con modificazioni, dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164.

Secondo i consiglieri della minoranza si tratta di uno strumento utile per i cittadini e per il comune stesso. Giuseppe Marcianti sottolinea che i cittadini che in questo momento non riescono a pagare le imposte, adempirebbero agli obblighi tributari, offrendo servizi utili per la collettività e, mentre il comune avrebbe la possibilità di potenziare servizi importanti per la collettività.

«La suddetta proposta – afferma Pietro Quartararo , esponete del PD territoriale, è utile alla nostra comunità perchè permette ai cittadini, in forma singola o associata, di presentare progetti a sostegno della comunità in vari campi: pulizia manutenzione abbellimento di aree verdi, piazze, strade, interventi di decoro urbano, di recupero e riuso, con finalità di interese generale, di aree e di beni immobili inutilizzati e in genere la valorizzazione di una limitata zona di territorio urbano ed extraurbano -.»

Il baratto amministrativo è un istituto che è stato già approvato in tanti comuni vicini, riteniamo che sia importante che anche il nostro comune si doti di uno strumento sociale così importante in modo tale da consentire a tutti i cittadini di partecipare attivamente a migliorare lo stato del nostro paese ed usufruire di eventuali gravi sulle imposte comunali.

Tuttavia, tra i punti all’ ordine del giorno del consiglio comunale di mercoledì 20 aprile non è stata inserita questa proposta, però il presidente del Consiglio ha garantito che al prossimo consiglio verrà valutata e portata in assemblea per essere votata.

Comments are closed.