Bisacquino, il comune si riappropria del CCR

Bisacquino, il comune si riappropria del CCR

Il sindaco di Bisacquino, Tommaso Di Giorgio,  ha comunicato stamattina, attraverso il proprio profilo Facebook, che il comune da lui guidato ha centrato un importante risultato, ottenendo dal giudice la riconsegna del CCR di contrada Catrini. Il giudice ha ritenuto condivisibile la linea del comune di Bisacquino, espressa tramite l’avvocato Ribaudo. L’ente locale, infatti, voleva riappropriarsi del CCR – prima che venisse svenduto a causa del fallimento del lato – perché in realtà questa struttura era stata finanziata proprio al municipio, il quale in seguito l’aveva messo a disposizione dell’ATO. L’intenzione adesso è quella di metterlo a disposizione nei prossimi mesi dell’ARO, non appena questa sarà operativo, ottenendo dei vantaggi sia a livello economico, che ambientale. «Il comune di Bisacquino ritorna in possesso di un bene essenziale nel nuovo sistema di raccolta dei rifiuti che stiamo realizzando, dichiara il sindaco. Grazie a questo nuovo sistema riusciremo ad avere un livello di raccolta molto superiore rispetto agli attuali standard e con costi molto contenuti».

Comments are closed.