Mafia del corleonese, sessant’anni di carcere agli imputati

Mafia del corleonese, sessant’anni di carcere agli imputati

Condanne per oltre sessant’anni di carcere sono state inflitte oggi dal gup del Tribunale di Palermo Fabrizio La Cascia ai sei imputati del processo denominato ‘Grande Passo 3’, che colpisce il clan mafioso di Corleone. Dall’operazione, del novembre del 2015, era emersa anche una intercettazione nel corso della quale era emersa il progetto di uccidere l’allora ministro dell’Interno Angelino Alfano e di fargli “fare la fine di Kennedy”. La pena più alta, quindici anni di carcere, è stata inflitta a Rosario Lo Bue, ritenuto il nuovo capomafia di Corleone, 10 anni a Vincenzo Pellitteri, presunto capo della famiglia mafiosa di Chiusa Sclafani, 6 anni e 8 mesi a Pietro Pollichino, presunto capo del clan di Contessa Entellina, e poi 8 anni e 8 mesi a Salvatore Pellitteri di 41 anni, nove anni a Roberto Pellitteri e altri nove anni a Salvatore Pellitteri, tutti imparentati tra loro.

 

nella foto Rosario Lo Bue.

(AdnKronos)

Comments are closed.