Salvo Milazzo lascia il comando del distaccamento forestale di Bisacquino

Salvo Milazzo lascia il comando del distaccamento forestale di Bisacquino

Salvo Milazzo ha lasciato, a causa di un trasferimento d’ufficio, il comando del distaccamento forestale di Bisacquino. Egli stesso spiega le ragioni di tale gesto su Facebook. Riportiamo il testo qui sotto.

«Dopo alcuni giorni, nei quali volutamente non ho voluto fare accenno su faceboock, la mia indole comunicativa mi porta a scrivere qualcosa per ringraziare tutti coloro che in questi anni mi sono stati vicini nel mio lavoro.
Ormai da qualche giorno ho lasciato il Comando del Distaccamento di Bisacquino, con serenità e non sotto l’onda emotiva che mi ha travolto come un’onda nel mare della vita e trascinato al largo, posso fermarmi tirare un sospiro e fare alcune riflessioni.
Ho avuto la fortuna, di avere colleghi unici, li elenco in ordine alfabetico per non creare differenze fra di loro, Calcedonio Conti, Antonino Cusumano, Salvatore Guarino, Giuseppe Merendino, Vincenzo Monteleone e Giuseppe Ragusa.
Sono stati qualcosa in più di appartenenti allo stesso ufficio, sono diventati con il tempo amici cari, persone sulle quali potevi riporre la tua fiducia, certo che mai ti avrebbero tradito.
Un capitolo a parte debbo farlo per Salvatore Guarino, rivedo la sua emozione forte, il suo abbraccio fraterno e risento le risate mentre con gli occhi della memoria ripasso i tanti momenti vissuti assieme, fratello ti voglio bene.
Ma la vita è questa, se io sono già il passato, oggi il presente è nelle mani capaci di Giuseppe Ragusa, sicuramente non mi farà rimpiangere ed auguro con tutto il cuore e l’affetto che anche lui mi ha dimostrato in questi mesi vissuti assieme, collaborando sempre con me, di cosa è capace.
Ringrazio tutti gli appartenenti alle altre forze di polizia, presenti nel territorio, a cominciare dal carissimo amico Maresciallo Simone Recchia e ai suoi uomini, con i quali abbiamo pienamente collaborato, nella dignità dei ruoli, uniti nell’intento di figli dello Stato di dare una risposta fattiva alla cittadinanza tutta.,
Ringrazio La polizia Locale , il loro Comandante Ignazio Bacile, che fra l’altro essendo anche il responsabile comunale della Protezione Civile, abbiamo avuto mille occasioni per creare una forte assonanza.
Ringrazio, tutti i periti tecnici dell’antincendio, Lillo Salvaggio, Peppe Alessi e Giuseppe Barbata gli LTI del Distretto, che ci hanno collaborato nelle operazioni di spegnimento incendio.
Un saluto particolare al mio Sindaco, Tommaso Di Giorgio, che ci è sempre stato accanto, anche quando la bufera dell’ignoranza spirava forte, non posso dire la stessa cosa per quanto riguarda altre istituzioni che volutamente ci hanno ignorato, con cattiveria , dopo che in tanti abbiamo rischiato la vita per salvare il salvabile e anche monumenti che non appartengono a sagrati freddi, ma al cuore pulsante e vivo della gente che crede.
A quest’ultimi dobbiamo rispondere delle nostre azioni ma soprattutto al Signore Celeste e alla nostra Protettrice La Madonna del Balzo.
GRazie a tutti i Bisacquinesi e ai cittadini del paesi facenti parte del Distaccamento Forestale di Bisacquino, io non mi dimenticherò mai di voi,come non mi dimenticherò mai degli uomini dell’antincendio con i quali abbiamo rischiato la vita assieme uniti, dal forte senso del dovere che l’aquila della forestale porta infisso nei nostri cuori».

 

Articolo rettificato. Avevamo scritto in precedenza, commettendo un errore, che Milazzo si era dimesso. Ci scusiamo

 

Comments are closed.