A Chiusa Sclafani e a Corleone si fa la spesa per aiutare le persone in difficoltà

0
868

Si chiama «spesa sospesa» o «carrello sospeso» a seconda del comune, ma è comunque l’iniziativa lanciata in questi ultimi giorni dai comuni di Chiusa Sclafani e Corleone per aiutare le persone meno abbienti, che si trovano in difficoltà a causa di questa emergenza causata dal coronavirus.

Come funziona? Le persone che vanno a fare la spesa possono aiutare chi si trova in difficoltà acquistando qualcosa per quest’ultimi e lasciando i prodotti in negozio. Sarà cura delle amministrazioni distribuirli.

«Grazie alla generosità di alcuni cittadini sono già stati consegnati i primi generi alimentari raccolti grazie all’iniziativa della spesa» – ha detto il sindaco di Chiusa Sclafani, Fracesco Di Giorgio -.