Bisacquino e il mondo del pallone hanno ricordato Nino Montalbano

0
971

Bisacquino ha voluto ricordare Nino Montalbano, uno dei suoi giovani che, troppo presto, un destino crudele, in una calda mattina estiva di 25 anni fa, ha strappato all’affetto della sua famiglia, di noi amici, della Comunità bisacquinese alla quale era orgoglioso di appartenere. E lo ha fatto in maniera insolita ed originale, organizzando un torneo a quattro di calcio a 5 a cui hanno aderito con grande entusiasmo, nonostante non più giovanissimi, i suoi vecchi compagni di gioco, durante il quale emozioni e divertimento si mescolavano, lasciando affiorare i tanti ricordi che ancora oggi legano Nino ai numerosi amici presenti.

Le belle immagini di Nino, nei momenti più felici della sua vita, fatte scorrere sul muro della Palestra, i faticosi dribbling dei calciatori che, per l’occasione, hanno indossato le maglie rifatte delle squadre di allora, le mirabolanti parate dei portieri, la misurata e divertente ironia dei telecronisti Calogero e Vincenzo, ci hanno riportato alle belle partite di tanti anni fa, quando il gioco non era solo competizione, ma anche amicizia e Nino, nel suo ruolo di portiere, era amico di tutti, sia dei ragazzi della sua squadra per i quali era una guida, sia per gli “avversari”… E poi il momento di più grande emozione: la premiazione della squadra vincitrice preceduta dal messaggio rivolto al suo Papà che Rossella ha voluto affidare alla voce di Maurizio Silvestri, in cui il rimpianto per una presenza paterna non vissuta si è accompagnato all’orgoglio di essere figlia di una persona amata e stimata da tutti, a cui, oggi, raccontare questi 25 anni di vita senza di Lui, eppur…con Lui.

Grazie a Rossella e Gino per questa bellissima idea e grazie a tutti gli amici che hanno contribuito alla sua realizzazione. E dopo la premiazione, da buoni bisacquinesi, tutti a festeggiare in campagna. COSI’ AVREBBE VOLUTO NINO. (M.C)

Questo articolo è un contributo esterno.