A Contessa Entellina aumentano i volontari della protezione civile

0
400

Se il comune di Contessa Entellina riesce a fronteggiare la sfida della pandemia Covid-19, lo devo alla sinergia che si è venuta a creare nel territorio tra le varie autorità, ma anche al contributo di cittadini e volontari. Tra questi ultimi spiccano senza ombra di dubbio gli aderenti all’Associazione Nazionale Vigili del Fuoco in congedo, i quali si occupano per esempio di assistere la popolazione anche portando i beni di prima necessità alle persone in quarantena, curando il verde pubblico oppure garantendo il servizio dell’autobotte. «I ragazzi si stanno impegnando tantissimo in aiuto delle istituzioni – commenta Leonardo Spera, sindaco di Contessa Entellina -. Grazie al loro impegno abbiamo potuto dare risposte efficienti ai bisogni delle persone in isolamento. La fase dell’assistenza è molto delicata e i ragazzi hanno messo a disposizione tutto ciò che è nelle loro possibilità». «Ci vuole un grande animo per aiutare il prossimo ed essere sempre a disposizione della comunità – conclude il primo cittadino -. Questi ragazzi lo hanno. Insieme si cresce… uniti si è più forti!» Il presidente Gabriele Cinquemani si ritiene molto soddisfatto dell’attività di questi primi mesi: «Essere utili per la collettività è la nostra missione». L’associazione, che è nata lo scorso maggio grazie a una convenzione con l’ente locale, ha visto aumentare i suoi membri nel giro di pochi mesi da sette a dodici e si sta impegnando a fronteggiare l’emergenza con l’impegno attivo di tutti i volontari coordinati dal responsabile dell’assistenza del COC, il consigliere Piero Di Miceli. Da ieri i volontari possono indossare delle nuove divise, ma siamo certi che i valori resteranno quelli di questi mesi.