Si è dimesso il sindaco di Corleone Nicolosi. Ecco il testo della lettera

0
728
il sindaco di Corleone Nicolò Nicolosi

Pubblichiamo integralmente la lettera con la quale il sindaco di Corleone Nicolò Nicolosi annuncia al presidente della Regione le sue irrevocabili dimissioni.

On le Presidente
ho il dovere di informarla che questa mattina ho consegnato alla Segreteria Generale del Comune di Corleone le mie irrevocabili dimissioni dalla carica di Sindaco, alla quale ero stato eletto a seguito delle elezioni del 25 novembre 2018. Lo stesso hanno fatto gli assessori della Giunta.
Ciò a seguito della nota vicenda del Vaccino che ho ricevuto 1’8 gennaio in prima dose e il 31 dello stesso mese la dose di richiamo.
Ho accetta di essere vaccinato a seguito di indicazione pervenutami circa la possibilità di utilizzare una dose residuata, perché convinto che il ruolo ricoperto, comportando enormi responsabilità nel contenere e prevenire il diffondersi della pandemia, mi obbligasse a preservare il mio stato di salute, per corrispondere
quotidianamente ai tanti bisogni della comunità corleonese. Quindi mi sono vaccinato non per beneficiare di un privilegio, quanto per il dovere che ho avvertito di non essere costretto ad abbandonare il posto in trincea, dove stanno sempre tutti i Sindaci, in particolare quando si combatte una strenua e difficile battaglia quale quella contro il virus.
Tale mia scelta é stata ritenuta contraria ai doveri istituzionali, poiché contravveniva alle priorità comunicate alle strutture preposte alla somministrazione dei vaccini
.
In quelle priorità i Sindaci venivano e vengono ad oggi completamente ignorati, salvo a indicarli, quando serve, come primo avamposto dello Stato nei territori e nelle aree più marginali del Paese. Ho avuto modo di segnalare il mio pensiero sull’argomento, indirizzando a Lei e all’assessore Razza una nota da me firmata nella qualità di Presidente della conferenza della sanità provinciale, con cui segnalavo che i Sindaci andavano equiparati agli operatori sanitari, inseriti nella fascia prioritaria per la somministrazione dei vaccini.
Richiesta ignorata, ma secondo me da recuperare seppur con notevole ritardo. Resta il fatto che ho consapevolmente derogato a quanto dal Governo della Regione stabilito, con l’intento di richiamare l’attenzione dei soggetti decisori sull’urgenza di provvedere in tal senso. Mi scuserà per le argomentazioni che accompagnano la presente, con la quale le rassegno le mie irrevocabili dimissioni e che le consentiranno a breve di nominare il Commissario straordinario che guiderà il Comune alle prossime elezioni. Grato per la fiducia le auguro buon lavoro.
Distinti Saluti

Nicolò Nicolosi