32.7 C
Bisacquino
martedì, Luglio 5, 2022

Buy now

spot_img

Contessa Entellina, Parrino: Abbiamo chiesto di abbassare l’IMU, ma la maggioranza non ha voluto

Di Sergio Parrino


Si è svolto giorno 30 pomeriggio il consiglio comunale di Contessa Entellina prettamente inerente alla determinazione delle aliquote delle tariffe, IMU, TARI, IRFEP che devono essere versate dai contribuenti. In considerazione della disponibilità economica in possesso dell’Ente e dell’Amministrazione, alla luce di tutte le spese che l’Amministrazione effettua per realizzare abbellimenti estetici del paese e feste varie, tutto utile, ma non indispensabile e tutto pagato con le tasse dei cittadini senza nessun riscontro reale, anche solo economico, per le attività commerciali e per la cittadinanza, a fronte di una esigenza reale dovuta all’emergenza del caro bollette che ogni famiglia sta attraversando in questo periodo a causa della Guerra in Ucraina, i consiglieri di Minoranza hanno presentato ancora una volta la richiesta di abbassare la tassazione dell’aliquota IMU, proposta prontamente bocciata, dai consiglieri di Maggioranza. I consiglieri di Minoranza tengono a precisare che sono sempre a favore della realizzazione di strade interne e dei miglioramenti della viabilità rurale, così come sono favorevoli ad ogni iniziativa che sia a beneficio di ogni singolo cittadino di Contessa Entellina, NESSUNO ESCLUSO. Chiaramente, non saranno mai favorevoli alla cementificazione indiscriminata di selciati storici e di aree interne senza tenere conto dell’impatto ambientale, paesaggistico e naturalistico che possa compromettere l’intero ecosistema e la tutela della biodiversità. 

ll Sindaco e la Maggioranza hanno ritenuto più opportuno lasciare tutte le aliquote invariate, nonostante il comune disponga di liquidità economiche a cui attingere piuttosto che spendere per attività non assolutamente indispensabili, e bocciare la proposta dei consiglieri di Minoranza che, seppure trattandosi di una cifra esigua, pari a poco più di 49.000 euro, avrebbe comunque rappresentato un segno di attenzione verso le esigenze reali dell’INTERA POPOLAZIONE, che va sempre di più diminuendo e che vede gravare sul proprio reddito tasse di ogni tipo, dal caro bollette all’aumento del gasolio, dei prezzi dei generi alimentari ecc… 

“Sperperare” i soldi è facile e non servono “menti illuminate”. Parlare di sviluppo è facile. Confrontarsi, invece, è difficile. Trovare soluzioni “condivise” è molto difficile e per certi versi anche “sconveniente”. Ed è per questo che alcune persone, compresa la Minoranza, vengono escluse dalla discussione sul futuro del territorio. Fare una rotonda spendendo 16.000 euro per gestire il traffico o un murales è facile ed anche “popolare” tanto non sono soldi degli amministratori. Vedere quello che realmente serve è difficile perché si diventerebbe impopolari, e dal momento che il Sindaco sembra essere “in continua campagna elettorale” forse non se lo può permettere.

Related Articles

Stay Connected

22,878FansLike
3,377FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Latest Articles