17.4 C
Bisacquino
sabato, Settembre 24, 2022

Buy now

spot_img

40° ANNIVERSARIO

Eccidio del Generale C.A. Carlo Alberto dalla Chiesa, della moglie Emanuela Setti Carraro e dell’Agente Scelto della Polizia di Stato Domenico Russo

Oggi 3 settembre 2022 ricorre il 40° anniversario dell’eccidio in cui persero la vita il Generale di Corpo d’Armata Carlo Alberto dalla Chiesa, Prefetto di Palermo, la consorte Emanuela Setti Carraro e l’Agente Scelto Domenico Russo. Alle ore 09:00, nella sede del Comando Legione Carabinieri ‘Sicilia’, il Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri, Generale di Corpo d’Armata Teo Luzi, ha deposto un cuscino di fiori al busto dedicato all’Eroe. Successivamente, in via Isidoro Carini, luogo dell’eccidio, sono state deposte delle corone d’alloro alla presenza del Ministro dell’Interno Luciana Lamorgese, del Sottosegretario di Stato alla Difesa On. Giorgio Mulè, del Capo di Stato Maggiore della Difesa, Ammiraglio Giuseppe Cavo Dragone, del Comandante Generale dell’Arma, del Prefetto di Palermo, Dott. Giuseppe Forlani, del Prof. Nando dalla Chiesa, figlio dell’Eroe, e di altre alte cariche civili e militari.

Le Autorità hanno poi presenziato alle ore 10:00, presso la Cattedrale di Palermo, alla celebrazione eucaristica, officiata dall’Arcivescovo Mons. Corrado Lorefice, il quale – nella sua omelia – ha più volte ricordato la “fede” del Generale dalla Chiesa, citando una sua annotazione su un diario privato “Sono sempre stato un credente (…) Oggi voglio avere quella fede; voglio avere più fede!”. Il Monsignore ha poi aggiunto che proprio “la fede del Generale Carlo Albero Dalla Chiesa ci illumina e ci guida ancora oggi: la fede negli uomini e nelle donne che sanno ciò che fanno, e la fede in Dio che ci vuole consapevoli e liberi da ogni condizionamento; liberi da ogni potere che limita e opprime la dignità umana e che impedisce la convivenza giusta, solidale, inclusiva e pacifica delle nostre città; soprattutto una convivenza libera dalle organizzazioni mafiose e terroristiche, dall’illegalità a dalle connivenze subdole e pervasive”

Al termine della Messa hanno preso la parola il Prefetto di Palermo, che ha anche dato lettura del messaggio del Signor Presidente della Camera dei Deputati, il Comandante Generale dell’Arma ed il Ministro dell’Interno.

Il Prefetto di Palermo, dopo i saluti di rito, ha manifestato la vicinanza della cittadinanza palermitana ai familiari del Generale di Corpo d’Armata Carlo Alberto dalla Chiesa, Prefetto di Palermo, della consorte Emanuela Setti Carraro e dell’Agente Scelto Domenico Russo. Ha ricordato quell’epoca come una stagione di stragi sanguinarie, dove figure come il Gen. dalla Chiesa rappresentassero una speranza non solo per Palermo ma per l’Italia intera. Il Prefetto ha poi dato lettura della lettera del Signor Presidente della Camera dei Deputati, Roberto Fico, nella quale ricorda come il sacrificio del Gen. dalla Chiesa – di cui va onorata la memoria sempre – deve rappresentare anche un monito a “non abbassare la guardia” nei confronti della mafia. Un particolare riferimento è stato aggiunto alla straordinaria opportunità di crescita per il Paese offerta dal PNRR, che va difeso da qualsiasi rischio di ingerenze mafiose.

Il Comandante Generale – dopo i saluti alle autorità e aver rivolto un affettuoso pensiero ai familiari presenti – ha sottolineato come fare memoria significhi indicare alle nuove generazioni il “giusto sentiero da percorrere”. Il Gen. C.A. Luzi ha raccontato del suo incontro con il Gen. dalla Chiesa – avvenuto a Roma, il 5 maggio 1982 – allorquando, poco dopo aver ricevuto l’incarico di Prefetto di Palermo decise di passare a salutare i giovani Sottotenenti alla Scuola Ufficiali Carabinieri. In quella circostanza il giovane ”S.Ten” Luzi ricevette in dono (insieme ai suoi colleghi di corso) dal  Gen. dalla Chiesa una statuetta con gli alamari, simbolo dei Carabinieri. Statuetta che ancora oggi custodisce gelosamente.

L’attenzione per i giovani, che dimostrò anche in quell’occasione, è stato un segno distintivo di tutta la sua vita, contraddistinta, in poche parole, da un grande “amore per l’Italia”. Il Comandante Generale ha citato alcuni articoli della Costituzione, dai quali si evince come il Gen. dalla Chiesa abbia saputo con “coraggio, libertà, sensibilità e carisma” rappresentare un fulgido esempio di servitore dello Stato anche a costo della vita. Il Gen. C.A. Luzi ha ricordato come in questi 40 anni il lavoro quotidiano dell’Arma sia stato influenzato dal suo luminoso esempio morale del Gen. dalla Chiesa. Ne è testimonianza la diffusa presenza nelle caserme dell’Arma di sue fotografie appese spontaneamente sui muri. Il Comandante Generale ha infine parlato della suo innovativa visione investigativa, nel percepire il filo conduttore tra tutti gli attentati sia di matrice terroristica che mafiosa, dal quale scaturì non solo un rinnovamento delle tecniche investigative ma anche un nuovo approccio culturale che permise di ottenere fondamentali successi investigativi. Un esempio su tutti le indagini sull’omicidio a Corleone del sindacalista Placido Rizzotto.

La sua innovativa visione investigativa, l’attenzione nell’educazione dei giovani alla legalità fanno sì che il Generale Dalla Chiesa – assieme a colleghi di altre Forze di Polizia, magistrati, giornalisti, uomini delle Istituzioni e della sana società civile – sia stato pioniere e icona della lotta alla criminalità organizzata. “Partendo dal suo esempio, abbiamo il dovere di restituire ai giovani un’Italia migliore” ha concluso il Comandante Generale.

Il Ministro dell’Interno ha raccontato di quel periodo difficile per Palermo e per la Sicilia e di come il Generale, poi Prefetto, dalla Chiesa, sembrò la risposta più energica che lo Stato potesse opporre alla protervia di Cosa Nostra. Era l’uomo giusto per quell’incarico anche in virtù della sua grandissima esperienza, era un uomo dotato di un forte carisma, indiscusso prestigio, lunga esperienza investigativa alle spalle, un percorso anche in Sicilia di eccellenza che aveva avuto agli inizi degli anni 40 al Comando Repressione Banditismo. Il Ministro, dopo aver raccontato di alcune fasi della storia professionale e personale del Generale dalla Chiesa, si è soffermata non solo sul suo ruolo investigativo ma anche morale. “Ha gettato il seme profondo nella lotta alla mafia e della cultura della legalità” e ha permesso di capire quanto fosse importante “insegnare le linee di una corretta e onesta azione istituzionale, con particolare attenzione ai giovani, futura classe dirigente del Paese”.

Alle ore 11:30, in via Vittorio Emanuele, è stata deposto un omaggio floreale (donato dall’Associazione Cassaro Alto) da parte del Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri e dei bambini dell’Istituto Sperone Pertini di Palermo, particolarmente un’area difficile del capoluogo siciliano dove è maggiormente importante investire sulla cultura della legalità.

A seguire, sono stati esposti, sempre in via Vittorio Emanuele (presso l’ingresso della caserma “Generale C.A. dalla Chiesa”), dei dipinti su pannelli amovibili, realizzati a cura dell’Accademia di Belle Arti di Palermo, con successivo intervento del curatore del progetto per una breve presentazione dell’opera. Alle ore 12:00, infine, si è tenuta la cerimonia d’inaugurazione, nei pressi della Sala della Memoria all’interno della caserma “Generale C.A. dalla Chiesa”, di un altorilievo celebrativo dedicato al Generale, realizzato e donato dal maestro ceramista Nicolò Giuliano. Al fine di rendere ulteriore omaggio alla memoria del Generale dalla Chiesa, per l’occasione è stato organizzato anche un annullo filatelico.   

Related Articles

Stay Connected

22,878FansLike
3,497FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Latest Articles